Tutti leggono...la festa dei ceri!

In comunicazione aumentativa alternativa

Fanucci Silvia, Ruspi Valeria

illustrato da: Nardi Giulia

Supporto: Cartaceo

Prezzo web € 16,00

Non disponibile per l'acquisto

Supporto Anno ISBN Prezzo web
Cartaceo 2018 9788832760354 €16,00

Scopri anche tu, la magia della Festa dei Ceri, che ogni 15 maggio dal 1160
riempie la città di Gubbio di gioia e stupore.
Questo libro scritto coi simboli della Comunicazione Aumentativa Alternativa (CAA)
è un invito a tutti a vivere e comprendere
questo rituale antico che porta con sé allegria, spirito di amicizia e la fierezza
di essere per un giorno, adulto o bambino,
un autentico ceraiolo

Dettagli supporto

Supporto

Cartaceo

Info supporto

48

Dimensioni

A4

ISBN

9788832760354

Anno pubblicazione

2018

Editore

Homeless Book

Autori e Curatori

Silvia Fanucci
Neuropsicologa e formatrice nelle scuole, si occupa di interventi di sostegno rivolti ad adolescenti, adulti e gruppi. Conduce gruppi di sostegno alla genitorialità. Esperta di CAA e di interventi cognitivo-comportamentali rivolti a bambini e soggetti con difficoltà comunicative e di sviluppo.
Ha frequentato nel 2012 il laboratorio “Libri su misura” del Centro Sovrazonale di CAA a seguito del quale ha scritto e realizzato alcuni in-book per bambini.
Valeria Ruspi
Logopedista di Gubbio (Pg), esperta in vocologia artistica, educazione e terapia della voce del bambino. Si occupa dal 2009 di prevenzione
e riabilitazione dei disturbi della voce,del linguaggio e dell'apprendimento dell'età evolutiva. Ha frequentato nel 2012 il laboratorio “Libri su misura” del Centro Sovrazonale di CAA a seguito del quale ha scritto e realizzato alcuni in-book per bambini.
Inoltre è specializzata in Neuropsicologia dei disturbi del neurosviluppo.
Giulia Nardi
Laureata alla Triennale di Pittura dell’Accademia di Belle Arti di Bologna, è specializzata in Comunicazione e Didattica dell’Arte. Attualmente frequenta la Scuola d’Arte-Terapia alla Cittadella di Assisi. Collabora con scuole e cooperative sociali. Ha sempre considerato l’arte come uno strumento per entrare in relazione con se stessi e con l’altro; ciò ha dato vita a laboratori creativi, inseriti in progetti educativi, mostre pittoriche e collaborazioni con scrittori e poeti.